Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

20 maggio 14.03 Dissesto territorio, in tutto 8 milioni dalla Regione. Interventi anche a Capizzi, Cesarò e Longi

Emanati dall’assessorato regionale Territorio e Ambiente altri cinque decreti riguardanti le linee di intervento del FESR 2007-2013, “Interventi per il miglioramento dell’assetto idrogeologico” e “Interventi di messa in sicurezza delle aree interessate a fenomeni di dissesto”, per progetti esecutivi che avviano lavori per un ammontare di oltre quattro milioni e 600 mila euro di fondi comunitari. Con i tre decreti di ieri, riguardanti i comuni di Capizzi, Cesaro’ e Longi, in provincia di Messina, si arriva a otto milioni e 200 mila euro impegnati.

I provvedimenti scaturiscono dall'”Accordo di programma finalizzato alla programmazione e al finanziamento di interventi urgenti e prioritari per la mitigazione del rischio idrogeologico” stipulato tra il ministero dell’Ambiente e l’assessorato regionale al Territorio il 30 marzo dello scorso anno.

Si tratta dei seguenti progetti:

– consolidamento del versante est del centro abitato del comune di Castronovo di Sicilia (PA), in localita’ Cappuccini per un milione e 600 mila euro; 

– lavori di consolidamento dei fronti rocciosi sovrastanti la via Grotte del comune di Altofonte (PA), per 789 mila euro;

– lavori consolidamento e riduzione rischio idrogeologico del versante a monte della via Marino Mistretta a protezione del centro abitato di Acquaviva Platani (CL), per 986 mila euro;

– Intervento di mitigazione del rischio idrogeologico nel versante ovest del centro urbano di Cianciana (AG), interessato da fenomeno franoso, per 855 mila euro;

– interventi messa in sicurezza circonvallazione di ponente, a seguito dissesto idrogeologico del comune di Caltagirone (CT) per 286 mila euro. 

“Il dipartimento – ha detto l’assessore regionale per il Territorio Gianmaria Sparma – sulla base dei progetti presentati dai comuni, sta finanziando quegli interventi urgenti e prioritari la riduzione del rischio idrogeologico, cosi’ come individuati dai PAI, i piani di assetto regionali”.