Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

21 marzo 07.30 Stamane inaugurazione della mostra “In fondo al mar”

Stamane alle 10.30 all’Acquario Comunale di Villa Mazzini sarà inaugurata la mostra fotografica “In fondo al Mar. Flora, fauna e relitti dello Stretto di Messina”.

Nel corso dell’evento sarà proiettato anche il filmato “I relitti dello Stretto”, realizzato da Cesare Campo, già esperto del Comune di Messina, prematuramente scomparso e conoscitore dei fondali dello Stretto.

La mostra, visitabile dal pubblico dal 21 al 30 marzo, da martedì a sabato, dalle ore 9 alle 13, e dalle 15 alle 19; domenica dalle 9 alle 13, chiusa il lunedì, è stata patrocinata dall’Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana della Regione Siciliana, dal Comune di Messina, dall’Acquario di Messina, dall’Università degli Studi di Messina, dal Centro per lo Studio delle Patologie Spontanee degli Organismi Marini, CESPOM.

Durante l’evento sarà allestito un laboratorio didattico denominato “Lo Stretto di Messina, paradiso degli zoologi”, rivolto su prenotazione agli alunni delle scuole secondarie di 1° grado.

Per informazioni e prenotazioni è possibile contattare l’Acquario comunale al numero di telefono 09048897 e attraverso il sito www.acquariomessina.it. I fondali marini rappresentano la parte meno esplorata del Pianeta.

Grazie alle nuove tecnologie di ripresa video in alta definizione, oggi è possibile mostrare alcuni aspetti della natura, degli habitat e dei fondali marini, utilizzando supporto di qualità per la stampa. Fotografie, video e altri supporti multimediali rappresentano il modo insostituibile per divulgare, conoscere ed apprezzare ciò che fino a pochi anni fa è stato esclusivo godimento di pochi appassionati ed esperti subacquei. Le stampe fotografiche, le immagini e gli audiovisivi della mostra “In fondo al Mar” assumono il significato di un percorso virtuale capace di condurre il visitatore alla scoperta degli ambienti sottomarini dell’area dello Stretto di Messina.

La biodiversità, intesa come ricchezza di ambienti culturali, è il filo conduttore dell’intera mostra. Medesima importanza è riservata alla presentazione multimediale di reperti archeologici sottomarini e relitti presenti nell’intera area dello Stretto.

L’Acquario comunale di villa Mazzini permette di osservare 22 vasche mediterranee ed 8 acquari allestiti all’interno dei locali. Le singole vasche hanno una capacità che varia dagli 8.000 ai 3.000 litri d’acqua. All’interno delle vasche marine sono ospitate oltre 60 diverse specie ittiche del Mar Mediterraneo.

Sono presenti, inoltre, molte specie di organismi bentonici (anellidi, poriferi, tunicati, eccetera) e di alghe che colonizzano spontaneamente le vasche. Le vasche dell’Acquario ricevono acqua di mare prelevata direttamente dallo Stretto di Messina attraverso potenti elettropompe.