Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

19 marzo 08.06 Inaugurato un nuovo circolo di Sinistra Ecologia Libertà

Sinistra Ecologia Libertà ha un nuovo circolo in città: si è formato ed è stato presentato ieri nella Sala Giunta della Provincia regionale. Qui si sono riuniti gli aderenti al nuovo circolo e ne hanno deciso l’intitolazione. Con applauso unanime si è assunto il nome di Aldo Natoli, il comunista messinese “eretico” di cui ha parlato il prof. Giuseppe Martino. Sul nome completo si è andati al voto: “Ecologia della liberazione” ha prevalso su “Ecologia sociale”.
La discussione non era nominalistica: la Rete di Ecologia Sociale ha segnato un lungo e felice passaggio dai Verdi a Sinistra Ecologia Libertà, una fase conclusa a parere dei più. “Ecologia della liberazione”, oltre che richiamarsi al documento del Congresso provinciale di Sel, apre una nuova prospettiva: liberarsi dal liberismo selvaggio a livello globale e a livello locale.
L’elezione del coordinatore o portavoce ha visto in campo i nomi di Stino Cannata, Elina Gugliuzzo, Giuseppe Restifo e Claudio Risitano. La scelta unanime degli aderenti al circolo è ricaduta su Elina Gugliuzzo, ricercatrice precaria impegnata sui due fronti dell’organizzazione e dei movimenti. Altrettanto unanime la scelta del tesoriere, l’avv. Salvatore Giangreco.
“Ecologia della liberazione” ha “liberato” anche il coordinatore provinciale di Sinistra Ecologia Libertà, Salvatore Chiofalo, intervenuto tre volte nella discussione per portare i suoi contributi politici senza essere “impaludato” nelle consuete “conclusioni”. Chiofalo e gli aderenti del circolo si sono ritrovati pienamente nell’impegno per i referendum sull’acqua pubblica e contro il nucleare e nell’azione di una Sinistra che vince ispirata a Nichi Vendola.