19 gennaio 12.31 Vertenza Servirail, domani sit-in a Palermo durante l’incontro alla Regione

Si terrà domani l’annunciato Tavolo palermitano sulla vertenza FS/Servirail convocato dall’assessore al trasporti Pier Carmelo Russo con le organizzazioni sindacali e Fs. Obiettivo dichiarato dell’incontro risolvere il nodo degli 80 lavoratori Servirail e il ripristino dei treni a lunga percorrenza, di risorse e servizi sottratti negli ultimi anni da Fs alla Sicilia, a Messina e al Sud. “Al di là delle false notizie fatte circolare nei giorni scorsi, false notizie che alimentano false speranze e confusioni, come annunciato dalle RSA di FILT Cgil, Orsa e Uiltrasporti, si terrà domani all’assessorato regionale il Tavolo con Fs sulla vertenza Servirail e Taglio dei treni- annunciano Filt, Orsa Uil, Ugl e Fast Messina. Domani vedremo così, al di là delle tante attestazioni di solidarietà e sostegno, se la politica e le istituzioni locali riusciranno a recuperare il tempo perso su una vicenda cos’ importante”. I sindacati chiedono alla Regione di ottenere un impegno formale e sostanziale di Fs sul reintegro dei treni tagliati e sulla sistemazione definitiva dei lavoratori. “Un obiettivo, l’incontro di domani, che scaturisce dal precedente faccia a faccia tra la Rsa e l’assessore Russo del 10 gennaio e sul quale si dimostrerà l’effettivo impegno della politica regionale”.

Le organizzazioni sindacali sottolineano come fino ad oggi alla vertenza con Fs è mancato un impegno forte della politica, locale e regionale,

e come il precedente Governo indisturbato, abbia potuto tagliare risorse a Fs che ha preferito investire nell’alta velocità e infrastrutturazione del nord e dismettere al sud. “La questione del taglio di Fs in Sicilia è una questione nazionale determinata dalle scelte politiche del precedente Governo e già il nuovo ministro avrebbe dovuto convocare per impedire l’abbandono del Mezzogiorno- spiegano i sindacati. Non è tempo di pannicelli caldi. Lombardo che ha firmato insieme agli altri governatori l’appello al ministro Passera sa benissimo che non può accettare alcuna mediazione al ribasso da parte di Fs perché qualunque soluzione provvisoria non restituirebbe ai siciliani i servizi né tantomeno assicurerebbe il lavoro al personale che lo ha perso e a tutti quelli che a causa di questa vicenda potrebbero perderlo”.

Per i sindacati al primo punto resta quindi la convocazione di un Tavolo nazionale con Fs e il ministro Passera per risolvere definitivamente la questione del reintegro dei treni e dei finanziamenti sottratti nel corso degli ultimi anni e il nodo dei lavoratori che hanno perduto il posto nelle vertenze collegate.

Intanto i sindacati informano che durante l’incontro, i lavoratori Servirail e Ferrotel hanno organizzato un presidio sotto l’assessorato.

Si ricorda inoltre che tutte le sigle sindacali qui citate partecipano e sostengono la manifestazione contro il taglio dei treni organizzata da Mobilitiamo Messina che si terrà sabato mattina davanti alla stazione centrale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *