Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

19 luglio 07.30 Strage via D’Amelio, commemorazione dell’anniversario

Nel 19° anniversario della strage di di via D’Amelio stamane alle ore 9.30, il Sindaco di Messina, on. Giuseppe Buzzanca, alla presenza della Giunta Municipale, deporrà un corona di fiori a piazza Pugliatti, sede del Rettorato dell’Università degli Studi di Messina dove, il 19 luglio 2007, gli Studenti dell’Ateneo peloritano, su proposta dell’Associazione “Atreju”, hanno collocato una targa in ricordo della strage di via D’Amelio con la significativa frase di Paolo Borsellino: “Se la Gioventù le negherà il consenso, anche l’onnipotente misteriosa mafia svanirà come un incubo”. Il sindaco Buzzanca lo scorso anno ha voluto intitolare a Paolo Emanuele Borsellino (19 gennaio 1940 – 19 luglio 1992) e Giovanni Falcone (18 maggio 1939 – 23 maggio 1992) la sala Giunta di palazzo Zanca, sede civica, ove è stata scoperta la targa, a memoria per le generazioni di oggi e di domani, di quella dignità della terra siciliana che attraverso i due nomi, nell’immaginario collettivo, è divenuta inscindibile esempio di impegno nella lotta alla mafia e testimonianza di una tragedia che ha colpito un intero popolo. Il 23 maggio 1992, una strage mafiosa annullava la vita di Giovanni Falcone, di Francesca Morvillo, di Vito Schifani, di Rocco Di Cillo, di Antonio Montinaro. Dopo appena 57 giorni dalla strage di Capaci, il 19 luglio 1992, in via D’Amelio a Palermo, la mafia, tornava a colpire il cuore dello Stato, uccidendo il giudice Paolo Borsellino e gli uomini di scorta della Polizia di Stato Agostino Catalano, Emanuela Loi, Eddie Walter Cosina, Claudio Traina, Vincenzo Li Muli.