Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

18 febbraio 14.15 Truffe all’Inps, falsa cieca incassa 72mila euro di pensione

Continuano le attività di indagine da parte dei Carabinieri della Compagnia di Patti al fine di prevenire e reprimere il fenomeno dei c.d. “falsi invalidi”.

In proposito, infatti, sempre nell’ambito di una ulteriore attività di contrasto alla particolare fenomenologia di reato, i Carabinieri della Compagnia di Patti sono riusciti a fare piena luce su un’ulteriore truffa ai danni dell’Erario.

In tale contesto, anche nel corso di questa attività investigativa, i Carabinieri, dapprima, attraverso l’elaborazione di dati ottenuti da specifici database dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale e, successivamente, attraverso specifici e mitrati servizi di osservazione, sono riusciti a smascherare un’ulteriore invalida che, per circa dieci anni, ha percepito dal citato Istituto di previdenza una pensione di invalidità con accompagnamento poiché affetta da cecità totale.

Questa volta, a finire sotto la lente di ingrandimento dei Carabinieri, è una donna di quarant’anni, la quale, secondo quanto preliminarmente accertato dai militari dell’Arma era arrivata a percepire indebitamente dall’INPS oltre 72.000,00 euro

di pensione.

Alla donna, al momento indagata, è stato notificato un avviso di garanzia per il reato di truffa aggravata e continuata ai danni dello Stato.

Le indagini, come detto, si sono concentrate su una 40enne incensurata della frazione San Giorgio del Comune di Patti, la quale, dall’anno 2003, dopo aver ottenuto il riconoscimento della «cecità assoluta con indennità di accompagnamento», percepiva regolarmente dall’INPS una pensione di invalidità civile di oltre 1.000,00 euro al mese.

Dai filmati effettuati dai militari dell’Arma nel corso di specifici servizi di osservazione, è emerso come l’indagata, oltre a svolgere le normali e quotidiane mansioni di vita, quali attraversare tranquillamente strade od incroci senza l’ausilio di alcun mezzo per non vedenti, in totale piena autonomia, partecipava addirittura alle manifestazioni religiose suonando la chitarra.

Al termine dell’attività investigativa, i Carabinieri hanno dato esecuzione ad un provvedimento di sequestro preventivo di beni immobili e disponibilità finanziarie riconducibili all’indagato, emesso dal GIP del Tribunale di Patti, per un valore complessivo di circa 72.000,00 euro.