Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

18 aprile 10.22 Trasparenza PA, la Cisl chiede l’intervento dell’assessore Chinnici

Maggiore trasparenza per maggiore tutela. La Cisl di Messina ha scritto all’assessore regionale alle Autonomie Locali e alla Funzione Pubblica, Caterina Chinnici, chiedendo un suo intervento per il rispetto della normativa nazionale sulla trasparenza dell’azione amministrativa.

Nonostante, infatti, anche una recente circolare in merito emanata proprio dall’assessore Chinnici, la Cisl di Messina rileva che sui siti web istituzionali non sempre sono consultabili i documenti relativi alle scelte politiche e gestionali della macchina amministrativa.

“Inoltre – aggiunge il segretario generale Tonino Genovese – spesso pur avendo avanzato richiesta formale non viene fornita alcuna risposta”. E’ accaduto, ad esempio con le richieste dei Bilanci formulate ai comuni di Messina, Milazzo, Barcellona, Patti, Capo d’Orlando, S. Agata Militello, Taormina, San Salvatore di Fitalia, San Marco d’Alunzio, Caronia, Villafranca.

“Il Bilancio di un Ente Locale – sottolinea Genovese nella lettera inviata all’assessore -rappresenta un modo di operare degli amministratori, le cui scelte economiche e sociali ricadono sull’intera comunità e del cui modo di operare si deve rendere conto a tutti i portatori di interesse quindi anche al Sindacato come rappresentante delle lavoratrici e dei lavoratori, dei pensionati e dei cittadini in generale”.

Una situazione analoga a quanto accade con i Distretti Socio-Sanitari della provincia di Messina (D25 Lipari, D26 Messina, D27 Milazzo, D28 Barcellona, D29 Taormina, D30 Patti, D31 S. Agata Militello, D32 Mistretta). Pur avendo formalizzato una richiesta per conoscere lo stato di attuazione dei Piani di Zona dei Distretti, solo Lipari e Barcellona hanno dato risposta.

Il segretario generale della Cisl di Messina chiede quindi, “al fine di poter esercitare le prerogative di tutela della comunità” l’intervento dell’assessore Chinnici affinché quanto richiamato dalla normativa nazionale vigente, dalla Costituzione, dalla recente direttiva non lascino più adito ad ambiguità e dubbi sulla accessibilità, totale e inoppugnabile, alle informazioni della pubblica amministrazione sul territorio siciliano che fa obbligo di essere trasparenti nei confronti dei cittadini e della collettività.