17 luglio 13.30 Inquinamento acustico a Messina

Il servizio ambientale del Comune di Messina, con la rete di monitoraggio continuo del rumore derivante dal traffico veicolare, ha diffuso i valori per lo scorso mese di giugno. I dati rilevati in continuo dalle stazioni di rilevamento ubicate in viale Boccetta, in viale della Libertà, in via La Farina alla A.S.P., in via Taormina alla caserma Ainis, ed alla caserma Zuccarello sul viale Europa, sono trasmessi all’unità centrale di controllo del sistema di monitoraggio. L’elaborazione riguarda la determinazione degli indicatori acustici previsti dalla normativa vigente ed in particolare, rilevando il cosiddetto livello equivalente continuo di pressione acustica LAeq ponderato A, si calcolano per ogni giorno del periodo di misura, i livelli equivalenti diurni, LAeq giorno, (tempo di riferimento dalle 6 alle 22) e notturni, LAeq notte (tempo di riferimento dalle 22 alle 6). Per viale Boccetta i livelli di rumorosità riferiti a giugno sono stati: LAeq giorno 71,5 dB(A), LAeq notte 67,5 dB(A); per viale della Libertà queste le risultanze dei rilevamenti: LAeq giorno 67 dB(A), LAeq notte 63,5 dB(A). Per via La Farina i livelli di rumorosità riferiti sempre a giugno sono stati: LAeq giorno 70 dB(A), LAeq notte 67,5 dB(A); per via Celi a Tremestieri, LAeq giorno 69,5 dB(A), LAeq notte 66,5 dB(A); per via Taormina, LAeq giorno 70 dB(A), LAeq notte 67,5 dB(A); per viale Europa, LAeq

giorno 67,5 dB(A), LAeq notte 64 dB(A). I limiti diurni e notturni sono pari a 65 e 55 dB(A).

Questi i valori dei limiti massimi del livello sonoro equivalente stabiliti nel decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 1° marzo 1991:

Classi di destinazione                              Limite diurno  Limite notturno

I Aree particolarmente protette                          50                       40

II Aree prevalentemente residenziali                55                       45

III Aree di tipo misto                                             60                       50

IV Aree di intensa attività umana                     65                        55

V Aree prevalentemente industriali                  70                        60

VI Aree esclusivamente industriali                   75                        70

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *