Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

16 gennaio 07.30 Ars, quattro parlamentari del Pdl si battono per il diritto alla pratica venatoria

Con un’interrogazione al Presidente della Regione e all’Assessore per le risorse agricole e alimentari, i parlamentari del PdL all’Ars Germanà (primo firmatario), Assenza, Caputo e Fontana, hanno chiesto ieri al Governo della Regione di avviare urgentemente una riscrittura della vigente normativa affinché sia assicurata ai cacciatori la possibilità di esercitare il loro diritto alla pratica venatoria, siano definiti calendari pluriennali, sia prevista l’abolizione delle ripartizioni territoriali faunistico venatorie, siano demandate le competenze agli uffici provinciali.

“E’ oramai necessario ed imprescindibile” si legge nell’interrogazione “regolare normativamente la

disciplina della caccia nel territorio della Regione siciliana, considerata la rilevanza dell’indotto economico rappresentato dalla pratica venatoria. Poiché la mancanza di una disciplina e il reiterarsi delle sospensioni del calendario venatorio, ha ingenerato l’insicurezza di poter praticare l’attività venatoria e ciò, unitamente al rischio sanzionatorio, ha provocato la riduzione di oltre il 50% del numero delle autorizzazioni rilasciate in Sicilia, con gravissimi danni all’erario regionale, occorre intervenire celermente per affermare il diritto dei cacciatori ad esercitare la loro passione, sempre nel pieno rispetto della legalità e senza dover rischiare di subire sanzioni o di essere perseguiti penalmente”.