Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

16 febbraio 07.30 Vernissage “Legami” di Katia Lupò al Monte di Pietà

Oggi alle 18, un nuovo appuntamento con l’Arte contemporanea. Le prestigiose sale espositive del Monte di Pietà ospiteranno fino al 3 marzo 2013 la mostra “Legami” dell’artista messinese Katia Lupò”.

La manifestazione è promossa dall’assessorato provinciale alle Politiche culturali e curata da Saverio Pugliatti, consulente per gli eventi culturali del presidente della Provincia regionale. Inaugura l’assessore provinciale alle Politiche culturali, Giuseppe Crisafulli.

Saranno presenti i critici d’arte Luigi Ferlazzo Natoli e Teresa Pugliatti.

Le opere di Katia Lupò al Monte di Pietà suscitano in chi le guarda una doppia riflessione. Naturalmente dico ciò senza alcuna sicurezza di avere inteso correttamente l’intento dell’artista o il messaggio che vuole inviare, ma con la consapevolezza di chi – critico d’arte o non – esprime un giudizio. Né può essere considerata “autentica”

l’interpretazione  dell’artista/autore, poiché una volta uscita dalla mente, dal cuore e dalle mani del creatore, l’opera vive di luce propria e suscita effetti che possono convergere o divergere tra loro.

Questa premessa, se volete scontata e tante volte sentita, serve anche ad eventualmente giustificare la diversa sensibilità con la quale i curatori della mostra cercano di definire la pittura di Katia Lupò inserendola nel panorama storico-artistico- contemporaneo non solo messinese e italiano, ma anche internazionale.

Ciò detto il back ground della Lupò presenta degli elementi ineccepibili nel passaggio, come lei ammette, dal figurativo iniziale, “ispirato dalle più importanti avanguardie del Novecento” alla pittura informale, sul finire degli anni Ottanta, grazie alla frequentazione della bottega del maestro Enzo Celi. E, come precisa ancora Katia, “inizialmente ho seguito le tracce dell’espressionismo astratto, ma la mia formazione matematica e quindi rigorosa mi ha spinto a portare ordine tra macchie, schizzi e colate”.