Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

16 maggio 08.25 VII congresso regionale SIMG, mercoledì conferenza stampa

Mercoledì 18 maggio alle 9.30 nel Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca si terrà la conferenza stampa di presentazione del  settimo Congresso Regionale SIMG Sicilia, che si svolgerà il 20 e il 21 maggio presso il Centro Congressi del Policlinico Universitario G. Martino.

All’incontro con la stampa parteciperanno oltre al Presidente della SIMG Sicilia Umberto Alecci e al Presidente della SIMG Messina Santi Inferrera, il Direttore del Dipartimento di Farmacologia Clinica dell’Università di Messina Prof. Achille Patrizio Caputi e il Prof. Domenico Cucinotta,  Ordinario di Medicina Interna dell’Università di Messina.

L’importante appuntamento medico-scientifico si tiene per la prima volta a Messina ed è il settimo a livello regionale. Il tema scelto per l’assise di quest’anno è: “ Qualità e utilità assistenziale nei nuovi modelli organizzativi regionali delle cure primarie. HTA, Medicina generale e Consenso sociale”.

Le aumentate esigenze della popolazione in termini di salute, l’incremento delle patologie croniche legate all’innalzamento dell’età media e la disponibilità di terapie preventive sempre più numerose ha creato una situazione nuova ed in rapida evoluzione.

Si è inoltre affacciata prepotentemente alla ribalta la necessità di utilizzo razionale di risorse, sempre più limitate in rapporto all’accrescimento delle richieste e delle aspettative.

La sostenibilità del sistema delle cure in Sicilia alla luce delle manovre di rientro,  la necessità di coniugare qualità professionale ad  equilibri di bilancio e alla razionalizzazione delle risorse, rappresenta un punto nodale della realtà sanitaria 

 La malattia cronica diventa quindi un unico percorso longitudinale ,un unico processo di cure caratterizzato da episodi di riacutizzazioni, ricoveri in ospedale, utilizzo di risorse, il cui costo sempre maggiore ricade sulla collettività.

L’importante decisone dell’assessorato alla salute siciliano di modificare gli schemi delle cure domiciliari, del territorio  della gestione della cronicità, rappresenta un punto nodale dei processi di cura.

L’insieme di questi fattori ha imposto alla medicina una riflessione profonda sul suo modo di operare ed ha fornito uno stimolo potente al dibattito sulla qualità delle cure.

 Il congresso regionale della SIMG Sicilia intende quindi aprire un dialogo con tutti gli attori interessati alla gestione della salute pubblica ,per primi l’assessorato alla salute e le direzioni aziendali siciliane, le società scientifiche nazionali ,in particolare con la società farmacologia ,con la società di cure palliative con la società di diabetologia ,con la società di cardiologia ,  per valutare l’impatto delle cure croniche e la sostenibilità di un sistema che deve saper coniugare risorse a raggiungimento del miglior risultato possibile.