Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

14 gennaio 07.30 Circuito del Mito, al via “Sicilia mater suoni”

Al via oggi 14 gennaio, “Sicilia Mater/Madre di Suoni”, un progetto di Etta Scollo e Matilde Politi che parla di Sicilia e Mediterraneo attraverso suoni, versi e tradizioni. Tre i concerti in programma: a Canicatti’ domani “Madre di suoni” con Matilde Politi, a Cefalu’ il 16 e ad Acireale il 17, Sicilia Mater con Etta Scollo.

Dopo la regina del fado portoghese, Teresa Salgueiro, il Circuito del Mito promosso dall’Assessorato regionale al Turismo con la direzione artistica del regista Salvatore Presti, propone al pubblico altre due grandi interpreti musicali, d’origini siciliane, e affermate in tutta Europa. Sono la catanese Etta Scollo e la palermitana Matilde Politi. La prima, emigrata in Germania da anni e tra le piu’ note folk singer al mondo e, la seconda, residente in Sicilia ma proiettata all’estero. Il progetto, realizzato in collaborazione con Goethe – Institut di Palermo e’ un omaggio alla femminilita’ e all’isola ed e’ costruito mettendo insieme due progetti musicali e vocali diversi ma complementari: Sicilia Mater di Etta Scollo e Ma(d)re di Suoni del gruppo Onda Mediterranea con la Politi. Attraverso canti, testi, musiche e suoni, il programma rappresenta, e non solo metaforicamente, una Sicilia di oggi, produttiva, forte e severa, ma anche poetica e lirica come da sempre, nella storia, es sa ha dimostrato di saper essere. Tre le serate in programma a Canicatti’ (Ag), Cefalu’ (Pa) e Acireale (Ct) oggi e poi il 16 e il 17 gennaio.

Il ciclo si apre oggi  presso il Teatro Sociale del Comune di Canicatti’ con Ma(d)re di suoni, un progetto del gruppo Onda mediterranea in cui la voce della cantautrice palermitana Matilde Politi si associa ad un gruppo di musicisti provenienti da diversi luoghi geografici e culturali della Sicilia. Una “formazione” eterogenea che e’ anche la chiave del progetto: la diversita’ che viene interpretata come risorsa e non come distanza. Canti e musiche delle tradizioni di Sicilia si sposano poi con quelle degli altri paesi che si affacciano sul bacino del Mediterraneo. Ecco, quindi, risuonare con naturalezza e continuita’ musicale brani della tradizione turca, greca e anche balcanica e klezmer, senza tralasciare la Sicilia, centro e fuoco dell’iperbole mediterranea.

Etta Scollo, che risiede in Germania (tra Berlino e Amburgo) e che, tra le tante produzioni artistiche, vanta un ruolo da protagonista in un film prodotto dal Goethe-Institut nei quadri di un gemellaggio cinematografico Sicilia-Germania, sara’ protagonista con due concerti in prima esecuzione italiana, del suo spettacolo Sicilia Mater: Lunedi’ 16 gennaio, presso la splendida cornice del Teatro Salvatore Cicero di Cefalu’, alle ore 21, e l’indomani, martedi’ 17 gennaio, alla stessa ora, presso il Teatro Maugeri di Acireale. 

Sicilia Mater mette in rilievo la figura storica e mitologica della Sicilia al femminile attraverso un percorso musicale che parte dalle sue tradizioni per arrivare fino ai giorni nostri nei versi di alcuni poeti contemporanei e nelle composizioni di Etta Scollo. La cantautrice catanese si esibisce insieme a due musiciste berlinesi e a due musicisti siciliani esperti del repertorio di tradizione mediterranea. Scelta mirata a esaltare un doppio confronto tra passato e presente, tra un medioevo che ritorna nei suoni di una tradizione musicale mediterranea ancora viva e tra questa stessa tradizione e un’idea “continentale” di modernita’ insita nella poesia di oggi. 

Una nota si percepisce chiara da questo ciclo Ma(d)re di Suoni /Sicilia Mater: Palermo e Catania – che rappresentano le due anime di una sicilianita’ atavica capace anche di estendersi oltremare – sono legate insieme dalla stessa natura materna: la Sicilia.

I concerti sono a ingresso libero fino ad esaurimento posti. 

Onda Mediterranea: Ma(d)re di suoni Sabato 14 gennaio 2012 – ore 21 Teatro Sociale, Via Cap. G. Ipppolito – Canicatti’ (AG) Matilde Politi voce, chitarra, fisarmonica, tammorra Giuseppe Viola clarinetto, clarinetto turco, sassofoni Francesco Calandrino tape manipulation / strumenti a fiato Alessandro Librio violino, Giuseppe Guarrella violoncello, Lelio Giannetto contrabbasso.