Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

13 marzo 10.22 Dopo l’incontro con la Coserplast Pallavolo Matera, il commento dell’allenatore Romeo

Dopo la partita di domenica scorsa tra la Ciesse e la Coserplast Pallavolo Matera, seguito da un’impressionante marea di persone presenti in via Quasimodo e da oltre un migliaio di utenti, che hanno potuto gustare la partita in diretta web sul sito della società brolese, ritorniamo sull’incontro con le parole di coach Romeo: “Partite come quella contro Matera sono quelle a cui ogni giocatore, allenatore o dirigente sogna di poter prendere parte, noi abbiamo avuto questo merito e questa fortuna e, vincere una battaglia agonistica di tale livello di fronte ad un pubblico incredibile, certamente da serie A1, è stata una gioia indescrivibile. A tal proposito vorrei rivolgere un grazie, sincero e non retorico, all’intera cittadinanza di Brolo ed ai tanti appassionati dei centri limitrofi che sono accorsi per sostenerci e ci hanno spinto al successo.  Entrando nel dettaglio della partita, devo riconoscere che ognuno dei  ragazzi ha dato quel “quid”  in più dal punto di vista personale mettendo la ciliegina sulla torta all’ottimo gioco di squadra. Nel primo set abbiamo certamente patito la tensione di un match in cui sapevamo di non poter sbagliare e questo ci è costato qualche punto in avvio. Poi siamo tornati di nuovo sotto ed avremmo anche avuto la palla del set point (su ricostruzione in bagher di Limberger entrato a muro per Laterza, ndr) ma Argilagos non ha trovato le mani alte del muro a tre. Poi, siamo stati puniti da una sassata in battuta di Lovato. Dal secondo set, però,  ci siamo scrollati da dosso le paure e abbiamo iniziato a picchiare forte sin dal servizio imponendo il nostro ritmo e facendo maggiore attenzione a muro e difesa. Matera ha mostrato anche stavolta le caratteristiche eccelse del suo gioco, che conoscevamo e sulle quali avevamo eravamo pronti a prendere le contromisure. I tre parziali chiusi in crescendo, non solo nel punteggio, rappresentano a mio avviso l‘aspetto più significativo per la nostra squadra, che ha saputo giocarsi le proprie carte quando è servito. Archiviamo in fretta, però, la felicità del successo perché ci aspetta un’altra battaglia sul campo di Ortona. Solo dopo quel match potremo, eventualmente, permetterci il lusso di buttare l’occhio sugli altri campi. Sono certo che i ragazzi conoscono alla perfezione l’importanza del match in terra abruzzese e che sapranno interpretarlo nel modo migliore. Una grande prestazione a Ortona ci regalerebbe la tranquillità d’animo di chi sa di aver fatto il proprio dovere fino in fondo, a prescindere dalla classifica”.