Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

15 aprile 08.59 Sordità e problemi di linguaggio, tavola rotonda a Palazzo Zanca

“Il diritto delle persone sorde e il ruolo civico delle forze dell’ordine”, è il tema che sarà affrontato nella tavola rotonda, organizzata dall’Associazione Audiolesi e Problemi del Linguaggio oggi alle 10, presso il Salone Delle Bandiere del Comune di Messina patrocinata dalla Regione, dalla Provincia e dal Comune e da altre autorevoli istituzioni.
La manifestazione, che si articola tra relazioni di insigni ospiti e dibattito pubblico, desidera mettere l’accento su un problema che non riguarda solo coloro che sono portatori dell’handicap sensoriale della sordità, ma che tocca tutta la comunità.
E’ superfluo dire quanto tutti confidiamo nelle forze dell’ordine per sentirci tutelati, informati, aiutati nei momenti di particolare disagio e in caso di rischio. Tutti i cittadini invocano e pretendono il diritto il diritto alla tutela sancito dalla Legge e dalla Costituzione.
E sappiamo bene il notevole sforzo, a volte anche con il minimo delle risorse, che le forze dell’ordine pongono per garantirci tutto questo.
Tuttavia non si può fare a meno di richiamare l’attenzione su quelle categorie di persone, che ci vivono anche accanto, ma che continuano a vivere isolati e inconsapevoli di eventuali situazioni di rischi e pericoli e ancora di più, che non sono mai informati di eventuali modalità di prevenzioni o di corretti protocolli nel caso in cui la situazione di emergenza sia in atto. Stiamo parlando delle persone sorde le quali, anche se per molti versi risultano ampiamente autosufficienti, per altri continuano a vivere una situazione di totale emarginazione.
Ora, secondo noi il punto è: se un cittadino è ben formato sulla sicurezza, su quelli che sono i suoi diritti e i suoi doveri, non solo è in grado di salvare se stesso ma è anche in grado di salvare gli altri.
Allo stesso tempo ci rivolgiamo alle forze dell’ordine per ricordare loro che l’handicap della sordità comporta spesso un serio limite comunicativo e che se non vi è una conoscenza approfondita del metodo di comunicare del sordo, della sua percezione della realtà e delle possibili informazioni distorte recepite, allora il rischio di interventi fallimentari può solo aumentare.
Le relazione saranno svolte dalla professoressa Tiziana Favarò, Psicologia delle emergenze dell’Università di Palermo, dal Dott Alfonso Massimino, Presidente del un Consorzio regionale di sordi e il Dott. Vincenzo Massimino, Presidente dell’Associazione promotrice dell’evento. La tavola rotonda sarà moderata dal Dott. Giovanni Frazzica. Previsti gli interventi del Questore e di numerosi rappresentanti delle forze dell’ordine.