Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

13 agosto 08.06 Crisi, Armao: “Manovra bis balorda, ingiusta e incostituzionale”

“La manovra bis, prospettata alle regioni e agli enti locali dal governo nazionale conferma la scelta di far pagare al Mezzogiorno e soprattutto alla Sicilia, la sua incapacita’ di affrontare tempestivamente una crisi che era ed e’ sotto gli occhi di tutti”.

Lo dichiara Gaetano Armao, assessore regionale all’Economia.

Secondo Armao “ribaltare su regioni ed enti locali i costi del risanamento senza affrontare nodi strutturali del sistema economico nazionale e’ una pratica balorda che non risolvera’ i problemi e si limitera’ a scaricare sui ceti deboli del Mezzogiorno il tentativo di una ripresa che cosi’ e’ del tutto improbabile”.

“La manovra prospettata rende, ancora una volta, la Sicilia come la prima pagatrice d’Italia – prosegue Armao – e determina ulteriori tagli dei costi di circa un miliardo di euro per il 2012 che si aggiungono ai 400 milioni gia’ previsti dalle precedenti e recenti manovre”.

“Le decisioni assunte in modo contraddittorio ed incerto – conclude Armao – evidenziano un’intollerabile gestione approssimativa della crisi con un’unica certezza: il Sud paga per tutti. Questo oltre che ingiusto e’ ancor prima incostituzionale”.