Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

12 febbraio 14.27 Giovane si allontana da casa, portando con sé un fucile calibro 20

Ieri sera, intorno alle 22.00, a conclusione di una complessa attività info-investigativa, i Carabinieri della Compagnia di Taormina hanno arrestato un giovane di ventisette anni, poiché ritenuto responsabile di resistenza a Pubblico Ufficiale e porto abusivo di armi.

L’attività dei Carabinieri si è sviluppata intorno alle 13.30 di ieri mattina, quando i familiari del giovane, preoccupati per l’inconsueto allontanamento da casa del proprio congiunto, hanno informato i militari della Stazione Carabinieri di Graniti.

Sono scattate le attività di ricerca del giovane il quale, secondo quanto emerso nel corso dei preliminari accertamenti, si era allontanato da casa, in evidente stato di alterazione psicofisica, dopo essersi impossessato di un fucile cal. 20, che era regolarmente detenuto da un proprio familiare.

Le attività di ricerca hanno richiesto anche l’intervento nell’area della Valle Alcantara di un elicottero del

12° Nucleo Elicotteri di Catania e si sono protratte per tutto il pomeriggio di ieri sino a tarda serata.

Ma il positivo epilogo delle diversificate attività di ricerca si è avuto solo in tarda serata, quando, in un’area impervia, i militari dell’Arma nonostante l’oscurità, dopo avere raggiunto un gruppo di case rurali, hanno rintracciato il giovane P.R.

Il ragazzo, che continuava a versare in uno stato di alterazione psicofisica, alla vista dei Carabinieri, è andato in escandescenza opponendo resistenza nei confronti dei militari.

Frattanto è stato rinvenuto sotto un albero, il fucile cal. 20 sottratto dal giovane.

Al termine degli accertamenti e alla luce delle responsabilità penali riscontrate a carico del  P.R., i Carabinieri lo hanno arrestato per resistenza a Pubblico Ufficiale e porto abusivo di armi.

Su disposizione del Magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Messina, tempestivamente informato su quanto riscontrato dai Carabinieri, il prevenuto è stato trasferito presso la Casa Circondariale di Messina Gazzi a disposizione dell’A.G. mandante.