Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

12 aprile 10.10 Centri antiviolenza Nebrodi, attivo il primo Sportello a San Piero Patti

Nascono sui Nebrodi gli Sportelli antiviolenza dal titolo significativo “Oltre il silenzio. Rete dei Nebrodi”, contro la violenza di genere e lo stalking, a tutela delle donne. Su iniziativa dell’associazione di volontariato “La clessidra – Costruire l’esperienza”, in collaborazione con la Fraternita di Misericordia e l’associazione “Kypsele” e con il patrocinio dell’assessorato provinciale alle Pari opportunità, del Ministero Pari opportunità e del C. D. S. – Coordinamento Donne Siciliane, gli Sportelli verranno avviati mettendo in rete i Comuni dei Nebrodi che vorranno sottoscrivere un protocollo d’intesa con le associazioni promotrici. Il primo Sportello è stato inaugurato a S. Piero Patti, nella sede della Misericordia in via Primo Maggio, ed è aperto ogni sabato dalle 10 alle 12. Il servizio è gratuito e garantisce l’anonimato alle donne di tutte le età, vittime di ogni forma di violenza. E’ possibile chiamare al numero verde 800 111 640.
L’iniziativa è stata presentata sabato 9 aprile, presso il salone parrocchiale di S. Piero Patti in via Profeta, dalla presidente dell’associazione “La clessidra”, la psicoterapeuta Tina Camuti, subito dopo la presentazione del progetto “Atmosphera” per gli anziani.
Il servizio prevede ascolto telefonico, segretariato sociale, colloqui e accoglienza per fornire informazioni e orientamento, consulenza legale e psico-sociale; accompagnamento ai servizi; attività di prevenzione e informazione sul territorio attraverso incontri rivolti alla popolazione, alle scuole e agli operatori socio-sanitari sulle discriminazioni e la violenza contro le donne; attività di integrazione con la rete e formazione di volontari.
“Quello della violenza di genere – sottolinea la psicologa Camuti – è un fenomeno complesso, con diverse tipologie, dall’abuso alla violenza sessuale, fisica, economica, psicologica e verbale, che non sempre trovano la giusta attenzione. Proprio per contrastare la scarsa visibilità del fenomeno, nasce questo progetto, volto a promuovere iniziative per contrastare la violenza a livello preventivo, conoscitivo e di sostegno alle vittime. Il progetto prevede una serie di azioni che si svolgeranno mettendo i rete i Comuni dei Nebrodi che vorranno sottoscrivere un protocollo d’intesa con le nostre associazioni, grazie al coinvolgimento di volontarie debitamente formate. Volontarie che potranno permettere l’apertura di sportelli d’ascolto in territori che, per conformazione geografica, lasciano spesso le donne isolate e lontane dai servizi a loro dedicati”, conclude la dottoressa Tina Camuti, presidente dell’associazione “La clessidra”.