Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

12 aprile 09.03 Mancata vendita alloggi IACP, Gioveni sollecita il commissario dell’Istituto

Libero Gioveni

Da 40 anni aspettano l’assegnazione degli alloggi popolari nei quali vivono. Interrogazione del consigliere del III Quartiere Libero Gioveni al commissario straordinario dell’IACP Venerando Lo Conti sulla mancata vendita di molti di questi alloggi di Camaro in via Santa Silvia, via Saverio Parisi e via San Giuseppe.

“Nell’attuale “caos” degli alloggi popolari -scrive Gioveni- l’IACP si mostra ancor più autolesionista, perché pur essendo travolto dalla piaga delle occupazioni abusive e dei conseguenti mancati introiti dei canoni, si rende negativamente protagonista delle mancate alienazioni. Si è parlato tanto in questo ultimo periodo di mala gestione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica, relativamente, in particolare, a canoni di locazione non riscossi, ad alloggi dati in custodia ma non ancora assegnati con regolare contratto di locazione e, soprattutto, ad occupazioni abusive.

Tutte “tegole”, queste, che pesano senz’altro come macigni sulle casse del Comune (per gli alloggi gestiti dal Dipartimento Patrimonio) e dell’IACP ma che, paradossalmente, non rappresentano le uniche incredibili defaillance. Infatti, soprattutto l’Istituto Autonomo Case Popolari (se non altro perché Palazzo Zanca negli ultimi anni vi ha quanto meno parzialmente provveduto mettendo in atto un piano di alienazione di 258 unità abitative e proprio in questa fase sta già lavorando anche per la dismissione di altri 32 alloggi di proprietà della Regione) trova moltissima difficoltà da oltre 15 anni a questa parte a vendere i propri alloggi agli inquilini aventi diritto.

In tutta sostanza, in questi ultimi tre lustri l’IACP (ad esclusione degli alloggi che sono stati

ceduti con rogiti stipulati qualche anno fa ma già pagati dagli inquilini 12 anni prima perché ricadevano in terreni con diritto di superficie) non ha più varato consistenti piani di vendita. Anzi vi sono tuttora molti alloggi popolari assegnati da quasi 40 anni e non ancora riscattati dagli assegnatari.

Dal lontano 1995 -prosegue Gioveni- non c’è stata da parte dell’IACP la benché minima intenzione di procedere alla dismissione di altre unità abitative, generando malcontento e delusione fra tutte quelle famiglie che da una vita pagano puntualmente il canone di locazione con la viva speranza, però, di poterne acquisire prima o poi la proprietà. E’ il caso, per esempio (volendo rimanere nel solo ambito della vallata di Camaro) degli alloggi di via Santa Silvia a Camaro San Paolo assegnati nel 1975, così come degli alloggi di via San Giuseppe e di via Saverio Parisi a Camaro San Luigi. Da ben 37 anni molte famiglie residenti in questi stabili sperano e chiedono che l’Ente ceda loro la proprietà degli alloggi. Ciò consentirebbe tra l’altro all’IACP di sgravarsi anche dei relativi oneri di manutenzione che adesso risultano, data la loro vetustà, molto rilevanti.

Sia durante la vecchia “gestione Santoro”, sia durante la felice “gestione Laface” ho inoltrato opportune note all’Istituto Autonomo Case Popolari  per sollecitare la vendita di questi alloggi, ma nonostante un timido tentativo avviato dall’ex Commissario Laface, nulla di concreto si è ancora visto, con l’immaginabile sconforto degli inquilini che da decenni attendono di vedere soddisfatto il sacrosanto diritto della proprietà”.  Vista la situazione di grave disagio di queste famiglie, Gioveni chiede che si faccia chiarezza sulla mancata alienazione degli alloggi e sull’avvio di un serio piano di dismissione.

.