Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Messina. Torna il Progetto Parola Pasolini con “Terra che non sa”

DAF - Terra che non sa 2In continuità con il grande successo che ha riscosso il primo spettacolo della trilogia Progetto Parola Pasolini, Vento da Sud Est per la regia di Angelo Campolo, ecco il secondo appuntamento: Terra che non sa, spettacolo di Teatro-Danza diretto da Sarah Lanza, debutterà oggi, venerdì 15 gennaio, alle 21 alla Sala Laudamo, il ridotto del Teatro Vittorio Emanuele di Messina.

“Ho voluto riprendere e trasformare il lavoro già eseguito magistralmente in precedenza da Campolo – dichiara la regista e coreografa Sarah Lanza – per evidenziare le difficoltà e i disagi di una famiglia africana, costituita da madre e padre, in contrapposizione all’ovvia quanto tranquilla quotidianità di quella italiana, riportando in scena ancora una volta i Banks, come in Vento da Sud Est”.

Con Terra che non sa, però, il progetto teatrale assume l’aspetto del teatro-danza. A parlare sulla scena saranno i movimenti, il corpo come linguaggio e traduzione della condizione umana odierna. A tal proposito è stata fondamentale la scelta delle musiche, uno studio che Sarah Lanza ha condotto basandosi sulle preferenze pasoliniane: dallo stile classico con Mozart e Bach a quello swing, scanzonato e grottesco. Importanti le citazioni che rivelano l’interessante ricerca teatrale sul pensiero di Pasolini: da Teorema e dall’Edipo Re agli Appunti per un’Orestiade Africana, fino alla Ricotta. Come sottolinea Elvira Ghirlanda, curatrice della prefazione allo spettacolo di Sarah Lanza, “sincretizzare tempi e luoghi tra essi distanti, ricordi remoti e desideri di un futuro inconciliabile, la paura e l’istinto di sopravvivenza. E’ questo Terra che non sa. È un sogno di Pasolini”.

DAF - Terra che non sa 1Una clessidra, come simbolo del tempo che scorre e del deserto che cresce e decresce, diventa la metafora attraverso la quale i personaggi si rappresentano. Fondamentali sono state le testimonianze raccolte dai giovani migranti del centro “Ahmed”, che hanno contribuito a creare la storia che caratterizza la famiglia africana il cui destino, grazie anche ai due “testimoni” pasoliniani, Antonio Vitarelli e Michele Falica, viaggia attraverso luoghi e nuove speranze, sofferenze e difficoltà, ma che si intreccerà per una nuova vita con quello della famiglia italiana. Bisognerà, dunque, partire, attraversare il deserto per scoprire i volti ed il futuro dell’uomo di oggi.

Calendario spettacoli: venerdì 15 e sabato 16 gennaio ore 21, domenica 17 gennaio ore 17.30, venerdì 22 e sabato 23 gennaio ore 21, domenica 24 gennaio ore 17.30. Costo dei biglietti, acquistabili presso il botteghino del Teatro Vittorio Emanuele di Messina, intero 8 euro e ridotto 5 euro.