Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

11 maggio 10.03 LSU, venerdì sit-in di protesta davanti alla Prefettura

Senza un contratto di lavoro, senza tutela e contributi previdenziali. Parte la protesta dei lavoratori Lsu, oltre 2000 in provincia di Messina, 850 dei quali soci di cooperative in servizio in Enti come ASP, Comuni, Aziende Foreste, Ispettorato Forestale, Tribunale, Parrocchie, Segreterie Politiche.

“Lavoratori – afferma Calogero Emanuele, segretario provinciale della Cisl Fp – che chiedono un atto di responsabilità agli organi regionali preposti, in primo luogo l’Assessore Regionale al Lavoro, affinché vengano assunte le dovute e necessarie determinazioni per dare la definitiva assegnazione agli enti prescelti”.

I lavoratori protestano per le mancate risposte, stigmatizzando il comportamento passivo del Governo regionale che si ostina a non approvare una legge di riordino per trovare soluzioni definitive per dare certezza secondo il principio di equità e parità di trattamento.

“Da oltre un decennio – spiega Emanuele – pur prestando la loro regolare attività lavorativa, percepiscono il solo sussidio di disoccupazione di € 540,00 mensili, senza tutela ne diritti. La vertenza di questa lavoratori assume ampie proporzioni visto che si parla di un bacino di 6300 unità in tutta la Sicilia”.

Venerdì 13 maggio, dalle ore 10, i lavoratori LSU protesteranno con un sit-in sotto la Prefettura di Messina. La Cisl Fp ha inviato al Prefetto Francesco Alecci la richiesta di un incontro per illustrare la situazione al rappresentante del Governo nazionale prima di assumere altre iniziative.