Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

11 gennaio 13.42 Domani l’anniversario del delitto di Insalaco, lo ricorda oggi Sonia Alfano

Palermo. “Giuseppe Insalaco, sindaco di Palermo per tre mesi, aveva fatto propria la battaglia più urgente e nobile: sciogliere quell’immondo nodo che, ancora oggi, lega tra loro mafia, politica e imprenditoria. Quella letale alleanza che ostacola lo sviluppo e favorisce il potere criminale. Per questo fu assassinato: rischiava di scardinare i meccanismi perversi che Cosa Nostra e i suoi complici avevano innescato a Palermo. Oggi

a noi tocca l’onore di ricordare Giuseppe Insalaco e l’onere di proseguire le sue lotte, senza tentennamenti o esitazioni: soltanto così le forze sane di questo Paese potranno emergere”. Lo ha detto Sonia Alfano, presidente della Commissione Antimafia Europea e dell’Associazione Nazionale Familiari Vittime di Mafia, ricordando l’anniversario dell’uccisione di Giuseppe Insalaco, sindaco del capoluogo dal 17 aprile al 13 luglio del 1984. Insalaco fu ucciso il 12 gennaio del 1988.