Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

11 febbraio 13.14 Museo regionale, inaugurata la mostra di intaglio e indoro

Il sindaco Giusppe Buzzanca, è intervenuto ieri al Museo interdisciplinare regionale “Maria Accascina” di Messina all’inaugurazione “Di intaglio e indoro, arredi lignei dalle collezioni del Museo Regionale di Messina”, primo evento previsto per la terza edizione della Notte della cultura che si svolgerà domani, sabato 12 febbraio. La mostra propone una selezione di sontuosi arredi lignei, in larga parte inediti, databili nei secoli XVII e XVIII, che mettono in luce il predominante clima sfarzoso e magniloquente, diffuso in tutti gli ambienti aulici, aristocratici ed ecclesiastici, clima in cui irrompe in maniera rivoluzionaria il senso della “religiosità degli umili”, introdotto dal genio caravaggesco. La mostra con 15 antichi arredi mai esposti, mobili e non solo, composti da materiali inediti e recuperati con soddisfacente restauro evidenzia una particolare valenza, una iscrizione dialettale sul retro della suggestiva Manta lignea esposta, che attesta una produzione locale dalla sorprendente perizia tecnica, le cui competenze sono suddivise tra l’intagliatore e l’indoratore, da cui il titolo della mostra a cura della dott.ssa Caterina Di Giacomo, dirigente responsabile U.O. II, e

con l’allestimento dell’arch. Gianfranco Anastasio, dirigente responsabile U.O. IV. Un esempio particolarmente significativo, esposto è il Seggio arcipretale proveniente dalla Chiesa di S.Gregorio risalente al XVIII secolo. Nel corso dell’inaugurazione la direttrice del Museo, dott.ssa. Maria Bacci ed i due dirigenti della struttura, hanno espresso ottimismo per la definitiva sistemazione della nuova struttura Museale; la Bacci ha comunicato infatti che, i due progetti a valere sui fondi Po Fesr 2007-2013, per il completamento del nuovo Museo e l’adeguamento della storica Filanda da destinare ad esposizioni temporanee, hanno già superato i primi livelli di ammissibilità alla Regione siciliana. Il sindaco Buzzanca ha assicurato che vi sarà la dovuta attenzione anche a livello regionale, perché “Messina finalmente veda definirsi una struttura importante al servizio della cultura della città dell’intera Sicilia.” L’esposizione di arredi lignei del XVII / XVIII secolo, in gran parte inediti, testimonianza di una produzione locale idonea a soddisfare committenze ecclesiastiche e aristocratiche che rimarrà aperta sino al 10 luglio, potrà essere visitata tutti i giorni dalle ore 9 alle 13, ed i giorni pari anche dalle 15 alle 17.30.