Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

16 aprile 07.30 Oggi targa toponomastica intitolata a Giovanni Paolo II

Stamane alle 11.30, alla presenza del sindaco Giuseppe Buzzanca e dell’arcivescovo mons. Calogero La Piana sarà scoperta la targa toponomastica di intitolazione a Papa Giovanni Paolo II del tratto del torrente San Licandro, tra l’intersezione di viale Regina Elena con via Leonardo Sciascia. La Giunta municipale aveva deliberato il 29 giugno dello scorso anno, il provvedimento predisposto dall’assessore alla toponomastica, Carmelo Santalco, per ricordare Karol Wojtyla (16.X.1978 – 2.IV.2005) che durante il suo Pontificato, l’11 giugno 1988, venne a Messina per la canonizzazione di Eustochia Calafato. In quell’occasione Giovanni Paolo II ebbe a dire: “sono rimasto particolarmente colpito dallo stupendo scenario nel quale è incastonata la città, distesa tra le falde dei monti Peloritani, degradanti verso la costa, e lambita dal mare, che rinvia al ricordo di miti suggestivi e di antiche leggende, tanto vivi nelle credenze del mondo classico e diventati in seguito patrimonio del linguaggio e della letteratura mondiale. Ma, sorvolando lo Stretto, il ricordo è andato soprattutto ai primi apostoli del Vangelo – a Paolo, in particolare (cf. At 28, 13), che hanno solcato queste acque, prima di arrivare sulle sponde italiche, mentre erano diretti a testimoniare il Cristo ed a portarne l’insegnamento a Roma, nel cuore stesso dell’Impero. Ho anche pensato all’innumerevole schiera di persone – intraprendenti navigatori o semplici turisti – che di qui son passati, utilizzando una naturale e vantaggiosa rotta per raggiungere approdi di commercio, di studio o di svago. Chi, come voi, conosce le vicende della vostra Città, affianca a tali memorie, dense di storia, il richiamo ad eventi, purtroppo tristi, che hanno inciso profondamente nel suo tessuto urbanistico e colpito le vostre famiglie. Mi riferisco, innanzitutto, ai violenti fenomeni sismici: e come non pensare a quello più noto che nel 1908 devastò anche la vicina Reggio, e di cui ricorre quest’anno l’ottantesimo anniversario. Mi riferisco ancora all’ultima guerra, che qui ha seminato, non meno che altrove, rovine e lutti. Questo quadro di luci e di ombre permette di stabilire un eloquente confronto con la situazione presente della città, e di cogliere il generoso impulso grazie al quale essa è come rinata. Anzitutto la scelta della vita, che ha continuato ad essere amata, accolta e diffusa, nonostante ogni vicenda di morte; l’operosità e l’industriosità, con cui si è saputo reagire a pesanti eredità, affinché la civile convivenza non solo riprendesse il suo corso secondo ritmi cari agli effetti ed alle consuetudini locali, ma fosse anche più tutelata con una preveggente messa in opera di accorgimenti protettivi; la tenacia nella ricostruzione di insigni monumenti – si pensi alla maestosa Basilica Cattedrale – simboli preziosi da trasmettere alle generazioni future; la profonda e radicata fiducia in Dio, specialmente quando tante circostanze avverse avrebbero potuto indurre a disperare.” A Giovanni Paolo II fu eretto a piazza Crisafulli un monumento a Lui dedicato, opera in bronzo, che raffigura il Santo Padre che presenta Sant’Eustochia alla città, realizzata nel giugno del 1988 in occasione della visita pastorale che il Papa fece a Messina. La stele bronzea dello scultore Guido Scaravatti si rifà alla iconografia della vita della Santa messinese scritta intorno al 1486 da Suor Jacoba Pollicino e raccolta in uno studio di Francesco Terrizzi. Lo scultore, sostenne di avere tenuto conto, nella realizzazione dell’opera, che “il Papa, capo terreno della chiesa, è il grande rappresentante che collega la Terra al Cielo, mentre la Beata Eustochia ha la funzione di raccordare il Cielo e la Terra”.