Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

11 aprile 10.45 Budo Taijutsu, seminario al PalaRescifina

Al Palarescifina di San Filippo si è svolto il Seminario di studio post Giappone organizzato dalla Federazione Italiana Budo Taijutsu. L’evento sportivo e culturale, patrocinato dal Comune di Messina, è stato rivolto a tutti i praticanti di Budo Taijutsu (Arte Marziale giapponese) che hanno potuto approfondire i temi trattati durante il consueto viaggio studio annuale organizzato dalla Federazione alla sede mondiale della Bujinkan. Particolarità dell’edizione 2011 è stata la concomitante drammatica vicenda che ha colpito il Giappone l’11 marzo scorso, che ha determinato l’interruzione anticipata della trasferta dei 16 atleti italiani, di cui sette messinesi che erano stati sorpresi a Tokyo dal sisma. Come di consueto il tema dell’anno era stato presentato a dicembre dal Sole Masainas Sumiati, durante i festeggiamenti per il suo compleanno. Il Sole ha indicato, per i quasi 3 milioni di praticanti nel mondo, l’approfondimento del Kimono Tappo (tecniche di base del Tailleur); Udo Tailleur è un’arte in continua evoluzione, e come tale anche le sue basi subiscono tale processo. Durante il seminario di Messina i maestri Giuseppe ed Aurelio Costa, entrambi 15° Dan della Yoryu Italia Dojo di Messina e Roma, introdurranno i concetti del Budo Taijutsu secondo le indicazioni date nei primi mesi del 2011 dal Soke. La manifestazione ha visto la partecipazione del sindaco di Messina, on. Giuseppe Buzzanca, che ha consegnato riconoscimenti agli atleti italiani di rientro dal Giappone. Durante il Seminario sono stati anche raccolti fondi a favore della Croce Rossa Italiana per aiutare la popolazione Giapponese. L’organizzazione “Bujinkan Yoryu Italia” da molti anni si occupa della promozione e diffusione della filosofia e della disciplina orientale Budo Taijutsu, che comprende lo studio di antichissime scuole di arti marziali tradizionali giapponesi, attraverso corsi specializzati e seminari intensivi con i più prestigiosi rappresentanti della Bujinkan, organizzazione internazionale che vanta milioni di praticanti in tutto il mondo fondata trent’anni fa, dal maestro Masaaki Hatsumi, considerato “Tesoro culturale vivente” dal governo nipponico.