Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

10 marzo 15.07 Ddl Enti Locali, De Luca incassa il primo punto per l’incompatibilità

“Il provvisorio passaggio tecnico al gruppo parlamentare del Pdl ci ha permesso di vincere un’importante battaglia politica perché c’e’ finalmente un accordo tra maggioranza e opposizione per prevedere l’introduzione dell’incompatibilità tra la carica di deputato regionale e quella di amministratore locale nel ddl in discussione all’Ars sulla riforma elettorale degli enti locali”. Lo ha detto in una nota il deputato regionale del gruppo Misto- Sicilia Vera on. Cateno De Luca. “Il primo punto del documento politico – ha detto ancora De Luca – nella trattativa tra maggioranza e opposizione è stato ora denominato dalle parti ‘Lodo De Luca’ e questo, dimostra che l’incisività e la caparbietà della nostra lotta politica ha raggiunto l’obiettivo che auspicavamo cioè che la nostra battaglia sulle incompatibilità diventasse quella di tutto parlamento regionale”. “Ora – prosegue De Luca – si sarà difatti una giusta e doverosa incompatibilità tra le cariche di deputato regionale o di assessore regionale e quelle di consigliere comunale, circoscrizionale o provinciale o di sindaco e presidente della provincia. Inoltre, sarà introdotto il principio di reciprocità che prima non esisteva e dunque, tutto ciò che è vietato o permesso al deputato regionale sarà ugualmente vietato o permesso all’amministratore locale”. “Approvando questo emendamento infine si cancellerà – prosegue De Luca – l’odiosa ed ingiusta leggina regionale n.22 del 5 dicembre 2007, già cassata dalla sentenza della Corte Costituzionale N. 143/2010 in materia di “Norme in materia di ineleggibilità e di incompatibilità dei deputati regionali che consentiva ai sindaci dei Comuni superiori ai 20 mila abitanti ed ai Presidenti di Provincia di ricoprire contemporaneamente il ruolo di deputato regionale”.
“Ora dopo l’accordo politico – siamo sicuri che in aula i deputati saranno consequenziali e dimostreranno finalmente ai siciliani che il parlamento legifera per favorire gli interessi di tutti e non quelli di alcune consorterie politiche. Ringrazio il capogruppo del Pdl Innocenzo Leontini che ha fatto propria questa battaglia permettendo che fosse accolta da tutto ille forze politiche”.