Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

10 maggio 17.31 Ponte sullo Stretto, firmato l’accordo per la gestione dei siti per i materiali di risulta dei cantieri

Si è tenuta oggi la firma degli Accordi procedimentali per la gestione dei siti di conferimento delle terre che interesseranno il territorio dei Comuni di Torregrotta, Valdina e Venetico, provincia di Messina. I tre Accordi sono stati firmati dal Presidente della Provincia di Messina, Nanni Ricevuto, dal Sindaco di Torregrotta, Antonio Caselli, dal Sindaco di Valdina, Pier Luigi Di Stefano, dal Sindaco di Venetico, Carlo Lamberti, dall’Amministratore delegato della Stretto di Messina, Pietro Ciucci, dall’Amministratore delegato di Eurolink, Michele Leone. In vista del prossimo avvio dei lavori l’obiettivo di tale atto è di concordare e regolamentare con i Comuni la localizzazione dei siti di conferimento delle terre e rocce da scavo provenienti dai cantieri del ponte sullo Stretto di Messina, nonché la sistemazione finale dei siti stessi per la loro riqualificazione ambientale e la consegna agli Enti Locali. Gli Accordi individuano e definiscono con patto formale le intese raggiunte dalla Stretto di Messina con i Comuni per la migliore ubicazione dei luoghi dove portare le terre provenienti dagli scavi in modo che, una volta completati i lavori, tali luoghi possano essere riqualificati. In particolare si tratta di tre cave dismesse di argilla utilizzata per rifornire fornaci di laterizi, presenti nei territori di competenza dei tre Comuni. Negli stessi Accordi viene dato atto dell’intesa raggiunta tra le parti anche in ordine alle modalità di gestione degli itinerari per la movimentazione dei materiali in entrata ed in uscita, in modo che siano percorse strade esistenti o da realizzare, nell’ottica del minor impatto possibile sulla viabilità locale. In tal senso, nel corso della riunione per la firma degli Accordi, il Commissario Straordinario ‘per la velocizzazione delle procedure relative alla realizzazione delle opere propedeutiche e funzionali del ponte sullo Stretto di Messina, dei relativi collegamenti stradali e ferroviari nonché delle opere e misure mitigatrici e compensative la Stretto di Messina’, Pietro Ciucci, si è impegnato a porre in essere tutte le iniziative volte ad assicurare il compimento delle attività necessarie ed opportune per favorire il reperimento delle ulteriori risorse finanziarie da mettere a disposizione del Consorzio Autostrade Siciliane (CAS) per consentire la realizzazione dello svincolo autostradale di Monforte San Giorgio sulla A 20 Messina – Palermo nei tempi più rapidi possibile. In tale quadro il Commissario del CAS, Gaetano Sciacca, si è impegnato a realizzare lo svincolo, non appena disponibili le suddette risorse finanziarie. Su istanza dei Sindaci dei tre Comuni, sempre in tema di nuova viabilità ed al fine di massimizzare le ricadute positive per il proprio comprensorio, la Stretto di Messina, il Contraente generale Eurolink e la Provincia di Messina si sono impegnate a porre in essere un approfondimento sulla fattibilità tecnico-economica e finanziaria per trasformare in strada di pubblica utilità a doppio senso di marcia un tratto della sede ferroviaria dismessa (Messina-Palermo) ricadente nel comprensorio dei Comuni di Valdina, Torregrotta e Venetico, non appena sarà reso disponibile da Rete Ferroviaria Italiana (RFI) e sia stato approvato da parte del Cipe il progetto definitivo del ponte sullo Stretto di Messina. Gli Accordi prevedono inoltre che tutte le aree occorrenti in corso d’opera per i percorsi stradali di nuova realizzazione ed i siti di conferimento terre, trasformati in parchi pubblici, saranno intestati al patrimonio immobiliare dei Comuni. Alla firma degli Accordi hanno partecipato tra gli altri: il Direttore generale della Stretto di Messina, Giuseppe Fiammenghi, il Direttore dell’Ispettorato Vigilanza Concessioni Autostradali dell’Anas, Mauro Coletta, il Direttore regionale dell’Anas Sicilia, Ugo Dibbennardo. “Sono Accordi rilevanti che rappresentano una opportunità per la provincia di Messina – ha commentato il Presidente della Provincia di Messina, Nanni Ricevuto. Per questo motivo la Presidenza della Provincia ha dedicato grande attenzione affinché la progettualità della cantierizzazione per le opere del Ponte avvenisse nel rispetto della vita quotidiana dei cittadini, del paesaggio e dell’ambiente dei tre Comuni interessati. Lo spirito di piena collaborazione tra gli Enti locali della Provincia messinese, il Commissario straordinario per il ponte, la Stretto di Messina ed il Contrante generale Eurolink ha permesso non solo di raggiungere questo obiettivo ma anche che fossero poste solide e concrete basi affinché la cittadinanza dei Comuni di Torregrotta, Valdina e Venetico ottenesse un valore aggiunto con la realizzazione del nuovo svincolo autostradale di Monforte, la trasformazione in strada di pubblica utilità di un ampio tratto della sede ferroviaria dismessa (Messina-Palermo) e, al termine dei lavori, il recupero ambientale di aree oggi compromesse da destinare a parchi pubblici”. Nell’occasione l’Amministratore delegato della Stretto di Messina, Pietro Ciucci, ha dichiarato: “Con gli Accordi odierni, unitamente a quello firmato a marzo con il Comune di Messina, si completa, in piena intesa con il Territorio, la complessa progettualità della cantierizzazione sul lato siciliano in vista dell’avvio dei lavori per il Ponte sullo Stretto. Sul lato calabrese, dopo l’Accordo con il Comune di Melicuccà, sempre dello scorso marzo, l’iter si completerà con il Comune di Villa San Giovanni con il quale è prevista la firma di analogo Atto. L’obiettivo generale è stato quello di individuare e condividere scelte logistiche che avessero il minor impatto possibile sulla viabilità locale e far in modo che tutte le aree di cantiere e di deposito fossero progettate al fine di una loro riqualificazione così da renderle fruibili, alla conclusione dei lavori, per la popolazione valorizzando ed aumentando il patrimonio infrastrutturale e dei servizi a disposizione della cittadinanza, come aree a verde, aree sportive, parchi attrezzati”.