Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

10 aprile 19.42 Convegno associazione Solo Sicilia, “Più Sicilia ai siciliani, più Sud in Italia”

Si è svolto oggi allo Yachting club di Catania davanti ad una sala gremita di associati e simpatizzanti, il convegno organizzato dall’associazione “Solo “Sicilia” dal titolo: Più Sicilia ai siciliani, più Sud in Italia.
Moderatore dei lavori il giornalista Giacomo Cagnes, il convegno sulla necessità di una riscoperta e valorizzazione della identità siciliana e meridionale, è stato aperto dal presidente dell’associazione Prof. Carmelo Nicosia, direttore dell’Accademia delle Belle arti di Catania, che ha anche presentato l’associazione, illustrandone scopi e finalità.
A seguire gli interventi della sociologa, prof. Liana Daher, della prof. Liliana Nigro, della dott.ssa Angela Lombardo, del dott. Antonio Intelisano e dello studente universitario Luigi Valentino, tutti caratterizzati da un denominatore comune: l’amore per la terra di Sicilia, la necessità di valorizzare il suo patrimonio e le sue risorse, la grande voglia di riscatto del popolo siciliano.
Particolarmente apprezzato, l’intervento dell’attore Enrico Guarneri, ormai simbolo della grande scuola artistica e teatrale siciliana, che ha strappato applausi a scena aperta recitando due poesie dialettali di Ignazio Buttitta.
Appassionato e vibrante l’intervento del deputato regionale Mpa, on. Giuseppe Arena, che ha affrontato i temi della questione siciliana e meridionale, denunciando le gravi disattenzioni e responsabilità del Governo nazionale nei confronti della Sicilia.
Duri gli attacchi sferrati dal parlamentare regionale, nei confronti delle altre formazioni politiche pseudo meridionali e della Lega

Nord, brava solo a curare gli interessi del profondo nord sempre a discapito del sud e di una Sicilia che non ne può più.
Feroci inoltre le critiche dell’on. Arena sulla questione migranti e Lampedusa, gestita male e scaricata unicamente sulle malridotte spalle del popolo siciliano, senza il sia pur minimo coinvolgimento del resto del Paese.
La conclusione dei lavori è stata affidata al Presidente della Regione Siciliana, on. Raffaele Lombardo che, dopo una lucida e accurata analisi politica, ha lanciato un accorato appello alla mobilitazione popolare per salvare la Sicilia e il Sud da un destino ineluttabile di profondo, ulteriore declino e da una insopportabile sottomissione alle logiche centraliste di un Governo nazionale, oggi più che mai, a trazione leghista.
Il leader del Mpa, ha quindi parlato della urgente necessità di far nascere un nuovo, forte soggetto politico meridionale, caratterizzato da una larga base e una rinnovata classe dirigente attivista e militante, che possa realmente incidere, grazie ad una mirata azione politica territoriale, su una agenda di Governo nazionale, orientata solo ed esclusivamente al soddisfacimento degli interessi dell’agiato nord del Paese. “E’ necessario – ha affermato il Presidente Lombardo – organizzare un grande partito del sud che, forte di un grande consenso popolare, possa inviare a Roma una nutrita pattuglia di deputati e senatori, disposti a difendere strenuamente gli interessi del territorio siciliano e meridionale.