Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

1 settembre 11.11 Terme Vigliatore, 25enne arrestato dai carabinieri dopo estorsione

Importante operazione condotta nell’ambito delle attività volte al contrasto del fenomeno estorsivo nel comprensorio barcellonese, quella portata a termine nel tardo pomeriggio di ieri dalla Compagnia di Barcellona Pozzo di Gotto che, con i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile, supportati da quelli della Stazione di Terme Vigliatore e da quelli della Compagnia di Intervento Operativo del 12° Battaglione Carabinieri “Sicilia” di Palermo, ha tratto in arresto per estorsione un giovane 25enne del luogo.

L’efficace attività investigativa è il risultato di una complessa attività di monitoraggio del territorio condotta dai Carabinieri nell’area barcellonese, teatro nel recente passato di importanti operazioni di polizia giudiziaria, grazie alle quali sono stati inflitti grossi “colpi” alla criminalità organizzata locale.

E proprio la consapevolezza della necessità di ribellarsi a tale oppressione, ha spinto un commerciante locale a porre fine, sul nascere, ad una richiesta di estorsione che gli era stata avanzata.

A determinare il positivo esito della complessa seppure repentina attività di polizia giudiziaria, è stato l’efficace lavoro delle diverse componenti dell’Arma territoriale di Barcellona Pozzo di Gotto, coordinato dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Messina con il Sost. Proc. dott. Giuseppe VERZERA, e dalla Procura di Barcellona Pozzo di Gotto con il Sost. Proc. dott. Francesco MASSARA.  

È così che nella tarda mattinata di ieri, è finito in manette  Salvatore CAMPISI, nato a Messina cl. 1985, residente a Terme Vigliatore (ME), già noto alle Forze dell’Ordine, il quale, all’esito di prolungati servizi di osservazione e di pedinamento, protrattisi nell’arco di oltre 48 ore, è stato bloccato dai Carabinieri poco dopo avere intascato una mazzetta da 500 euro  che aveva poco prima ricevuto a titolo estorsivo dal titolare di un pubblico esercizio di Terme Vigliatore (ME).

Come detto, CAMPISI è stato bloccato dai Carabinieri ancora in possesso delle banconote, proprio mentre usciva dall’esercizio pubblico ubicato in pieno centro.

Dopo le formalità di rito, come disposto dall’A.G., CAMPISI Salvatore è stato associato presso la Casa Circondariale di Messina Gazzi.