Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

1 marzo 10.15 AMR, venerdì il pianista Paolo Restani al PalaCultura

Venerdì 4 marzo, alle ore 21, nuovo appuntamento al Palacultura Antonello, lo spazio cittadino destinato alle attività artistiche, concesso dall’Amministrazione Comunale alle associazioni musicali, con il concerto di Paolo Restani, proposto dall’Accademia Filarmonica e dall’Associazione musicale Vincenzo Bellini. Tra i pianisti più interessanti e ormai famosi a livello internazionale della nuova generazione si può includere certamente Paolo Restani, già apprezzato dal pubblico messinese, che si esibirà proponendo musiche di Liszt e di Brahms. Paolo Restani, nato nel 1967, ha studiato pianoforte con Vincenzo Vitale, Gerhard Oppitz, Peter Lang e composizione con Bruno Bettinelli e Paolo Arcà. In più di venticinque anni di carriera ha dato concerti in molti dei più importanti centri musicali del mondo. La padronanza tecnica e la profondità di lettura tese a rendere trasparente e percepibile ogni minimo dettaglio di scrittura, ne fanno un interprete eccelso, soprattutto nel repertorio romantico, dove il suo virtuosismo richiama inevitabilmente alla memoria i più grandi nomi della tradizione pianistica. Le sue registrazioni discografiche includono tra le altre: Liszt – Totentanz per pianoforte e orchestra, con la European Philharmonic Orchestra diretta da Peter Jan Marthé (Polyglobe-1997); Liszt – i dodici Etudes d’Exécution Transcendante e gli Studi da Concerto (Amadeus-2004); Rachmaninov – diciotto Preludi (Amadeus-2008); Casella – Scarlattiana, Triplo Concerto, A notte alta per pianoforte e orchestra, con l’Orchestra “Filarmonica ‘900” del Teatro Regio di Torino diretta da Marzio Conti (Brilliant Classic-2008); Brahms, Godowski, Skriabin, Saint-Saëns, Bartok, Liszt, Sancan – brani per la sola mano sinistra (DECCA-2009); Berlioz – Lélio ou Le Retour à la vie op. 14b, direttore Riccardo Muti.