Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

1 luglio 09.31 Svincoli, interrogazione sui tempi del completamento

La scadenza fissata per il completamento dei lotti I e II degli svincoli Giostra-Annunziata si avvicina. I consiglieri comunali Guerrera, Melazzo, Pergolizzi e Restuccia hanno presentato un’interrogazione al sindaco chiedendo risposte certe sull’apertura parziale prevista per la fine di luglio.

“I sottoscritti Domenico Guerrera, Giuseppe Melazzo, Nello Pergolizzi e Antonio Restuccia, Consiglieri Comunali appartenenti rispettivamente ai gruppi il Centro con D’Alia, Futuro e Libertà per l’Italia ed MPA, nel riconoscere all’impresa Ricciardello il lavoro fin qui svolto per il completamento dello svincolo di Giostra e nella speranza che l’importante opera, per la viabilità urbana ed extraurbana, sia completata nei termini previsti dal Commissario per l’emergenza viabilità e traffico Dott. Buzzanca, intendono, però, soffermarsi su alcuni profili che ritengono, invero, poco chiari e, che potrebbero posticipare enormemente nel tempo il completamento e la libera fruizione al transito degli automezzi rispetto ai tempi di consegna tanto declamati dallo stesso Dott. Buzzanca e via via tristemente rinviati.

Come è noto l’impresa ha ottenuto l’aggiudicazione dell’appalto per il completamento degli svincoli, con esclusione dell’innesto con il viadotto già esistente, quest’ultimo realizzato da oltre 40 anni.

Da informazioni assunte dagli scriventi, si è constatato che non esisterebbe presso l’Ufficio del Genio Civile di Messina, alcun atto inerente la verifica sulla idoneità sismica della struttura del viadotto già esistente, né che siano state eseguite apposite indagini geologiche sulle tensioni indotte al terreno di sedime dei piloni, che per effetto del carico delle realizzate e realizzande strutture degli svincoli, potrebbero subire notevoli sollecitazioni.

Da successive indagini, si è constatato che il progetto prevedrebbe le strutture degli svincoli non solidali con i viadotti esistenti, ma separati da giunto di libera oscillazione della larghezza di circa m 0.90.

La soluzione progettuale del ricolmo del giunto con materiale idoneo alle oscillazioni delle due strutture, sia esso lamiera o altro, potrebbe mettere in serio pericolo i veicoli in transito, considerando che la larghezza dello svincolo è di circa m. 240.00, che il giunto corre parallelo e non trasversalmente al senso di marcia degli automezzi e in caso di pioggia o di brusche frenate, non consente una normale aderenza ai pneumatici dei mezzi.

Tra l’altro l’oscillazione e la flessione delle due strutture, se così fosse, potrebbe causare dei dislivelli che potrebbero a loro volta determinare un altro rischio per i mezzi in transito.

Premesso quanto sopra, i sottoscritti, nel prendere atto con soddisfazione che le preoccupazioni in ordine alla chiusura temporanea delle due carreggiate dell’A20 in direzione Palermo, per quasi 10 chilometri tra Boccetta e Tarantonio, nel periodo ricompreso tra giugno e luglio 2011, rappresentate con interrogazione del 2 giugno c.a., al di là di iniziali perplessità di natura più politica che pratica, siano poi state fatte proprie dal dott. Buzzanca;

I N T E R R O G A N O

il signor Sindaco, anche nella qualità di Commissario per l’emergenza viabilità e traffico, al fine di sapere:

1) Se le informazioni sopra riportate rispondano o meno al vero;

2) In caso affermativo quali iniziative lo stesso intenda con immediatezza adottare;

3) Quale tecnologia verrà adottata per la sicurezza della viabilità e per garantire l’incolumità fisica degli abitanti gli immobili sottostanti al viadotto;

4) Quali sono effettivamente, al di là dei proclami di forma, i tempi di completamento e consegna dello svincolo di Giostra fruibile alla cittadinanza”.